Capillita de San José

Compartir

Javascript is required to view this map.
Telefono: 
954 223 242
Indirizzo: 
Calle Jovellanos, 10 41004 Sevilla
Orario: 
Lunedì-Domenica: 9:30-12:30 e 18:30-20:30

La cappellina di San José di Siviglia si trova nel cuore del centro storico della città, nella calle Jovellanos, situata fra calle Sierpes e calle Tetuán, due delle vie più transitate e commerciali. Fu costruita dal circolo di falegnami, e questo causò un contenzioso con il circolo di architetti, poiché un falegname non era autorizzato a fare progetti di costruzione. Realizzata in due tappe, fra gli anni 1699 e 1766, le sue tracce e la sua costruzione si devono all’intervento successivo di due grandi maestri dell’epoca: Pedro Romero, che innalza il nucleo principale della navata, ed Esteban Paredes che si occupa della Cappella Maggiore e il portale posteriore. Bene di interesse culturale, i suoi pregi architettonici e artistici furono riconosciuti molto presto e valorizzati ufficialmente: la sua catalogazione come monumento fu pubblicata dalla Gaceta de Madrid nell’anno 1912.

Si tratta di una piccola e singolare chiesa di pianta rettangolare, che si configura in una sola navata con una piccola crociera. Il portale posteriore è molto vistoso e spettacolare. Stretto e basso, è realizzato in mattoncini intagliati e organizzato in due corpi; decorato con piastrelle e sculture secondo i canoni barocchi del momento, si distingue la nicchia centrale realizzata in base al progetto del 1716 di Lucas Valdés, e che ospita la statua del suo patrono, San José. Nel portale laterale, anch’esso di marcato accento barocco nello stile e nelle decorazioni, si distingue la rappresentazione delle Nozze della Vergine nella nicchia che corona la porta. 

In questa facciata laterare è presente un orologio solare dello stesso stile della porta. All’interno la cappella si copre nella sua navata con volte a botte lunettate, mentre la cappella maggiore ha una cupola di pianta ellittica che si conclude con una lanterna cieca. Lungo le pareti presenta interessanti retabli barocchi e pitture murarie dello stesso XVIII secolo.